UMSOI-omaggio al Fr.: Armandino Corona

L’ Unione UMSOI non dimentica chi ha saputo ridare lustro ad un Grande Massone, accogliendolo con affetto tra le sue file e nobilitandolo massonicamente chiamandolo nel Supremo Consiglio conferendogli il 33° del Rito.

.

.

1997 due vecchi fratelli si reincontrano, per rivangare un passato di gloria, persecuzioni e tristi momenti pubblici, ma sempre fermi nel loro credere istituzionale. Dopo l’abbandono del GOI, ecco che l’UMSOI rinobilita il grande Vecchio Armandino, è un risveglio che da gioia a entrambi

hanno resistito al tempo averso, alle malvagità di personaggi discuttibili, ma sempre forti fermi nel loro credere nell’ uomo, nel vero massone

ora si stanno incamminando verso un tramonto periglioso, è ancora senza dubbio il loro cammino, ma sanno di avere molto dato per la nobile istituzione.


finalmente un po di pace attraversato il portale vanno verso il tramonto

Caro Zio Armandino- che su indicazione di questo Vecchio Massone Presiedente l’UMSOI-hai fondato nel 1997 la Gran Loggia d’Italia UMSOI- come da documenti d’archivio- ed unito le forze per una migliorare i resti di una massoneria “GOI” allo sfascio, pensi che oggi vi sia qualche discepolo degno di tanto prestiggio? che sia pronto a raccogliere una eredità seriamente- forte degli insegnamenti da noi profusi? mah chissa!- auspichiamolo, i giovani forse sono spesso intemperanti-ma confidiamo, un giorno il tempo saprà dirci.


 

Il Fr.:Corona con il labaro della loggia a lui dedicata dall’UMSOI

Armandino,soleva dire:
Io sono un duplice bersaglio: da un lato come Armandino Corona e dall’altro come massone. Questa cosa deve finire. Perciò ho scisso questo binomio e ora chi deve dire male della massoneria lo dica, e chi deve prendersela con me lo faccia”.

Armandino Corona, è morto a Cagliari, all’età di 88 anni, uomo probo, intellettuale e fautore di un dialogo tra laici e cattolici per il progresso dell’umanità.
Armandino Corona,è l’uomo che nell’81 istituì il processo contro Licio Gelli, conclusosi con l’espulsione di quest’ultimo dalla Massoneria.

Sardo, originario di Villaputzu nel Cagliaritano, Corona è stato per più di un mndato Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia-GOI.

Purtroppo il suo retaggio è in mani poco esperte istituzionalmente, ma comunque speriamo che colui che egli volle come suo prosecutore d’opera, onestamente riprenda ad esempio quanto fatto dal Grande Armandino e da chi oggi ancora amministra il leggitimo UMSOI .

postato per storicità.


Inserisci un commento